UN  PW
Archivio Completo
Totale Pubblicate: 1
Tutte | Highlights
2012-03-14/12:35:04 Completo Visitato: 326
Pensiero Positivo Concreto - parte III
DETTAGLI:

Come avete trascorso la settimana?

La mia è stata una settimana particolare, piena di alti e bassi … in realtà più alti che bassi. Quando mi focalizzavo sui problemi andavo in basso, quando immaginavo le soluzioni volavo in alto.Quando credevo nelle soluzioni, succedevano cose strane, l’universo sembrava fornirmene altre più efficaci, oppure apparivano dal nulla strumenti utili per andare avanti sulla strada che avevo scelto. Poi mi sono ricordato che:

Attiriamo quello che siamo e siamo quello in cui crediamo

... e mi sono “spaventato”, mi sono detto: ma vuoi vedere che funziona veramente?!

E poi: no, ma non è possibile!

Così ho cominciato ad inventare una marea di scuse, tipo: non ho tempo, ho cose più importanti da fare, le persone a cui voglio bene non approverebbero, non ho abbastanza soldi, il tempo è brutto, troppo rischioso, io sono fatto così, non posso cambiare, è la mia natura … E allora mi sentivo meglio: finalmente posso continuare a fare quello che stavo facendo, continuare la vita di sempre.

Quante scuse troviamo ogni giorno per non fare quello che vorremmo veramente fare???

Infinite! Magari più in là ne potremmo parlare, se volete?! 
Torniamo a parlare delle nostre fonti di energia. Avete risposto alle domande o non avete trovato il tempo di farlo perché eravate troppo impegnati? Comunque sia, vi capisco.

La prima domanda che vi ho posto per ogni tipologia di energia di scambio riguarda le nostre “credenze”, le nostre “convinzioni”, quello che crediamo sia possibile e ciò che siamo convinti sia impossibile.

Di una cosa sono certo: se siamo assolutamente convinti che una cosa non può accadere, difficilmente accadrà mai. I motivi all’origine di quello che sostengo sono sia di origine razionale (non attueremo mai un comportamento che ci permetta che questo accada), sia emozionale (le nostre emozioni lavoreranno per adeguarsi alle nostre richieste), sia spirituale (per chi ci crede).

Le prime domande erano:

E’ concretamente possibile accettare se stessi e darsi valore?

Se penso di no, no sarà! Se io per primo ritengo che accettarmi sia impossibile e non merito valore, non avrò mai a disposizione questa fonte di energia. Continuerò a non darmi valore per ciò che sono, ma ancora peggio non mi darò mai valore per quello che potenzialmente potrei diventare. 

Le relazioni umane soddisfacenti esistono?

Se non esistono, potrò mai averle? Certamente no, il mio cervello non può elaborare ciò che io non immagino. Solo se lo credo possibile, comincio a immaginare, potrò “vedere” e quindi scegliere di crearmi delle belle relazioni. 

E’ possibile essere appagati dall’affetto di un’altra persona?

Non esiste la persona giusta per me! Con chiunque io posso venire in contatto, comunque ci sarà sempre qualcosa che non mi potrà dare. Siamo diversi, questo è certamente vero, ma la diversità può essere un limite insormontabile, oppure diventare uno stimolo di crescita. Siamo noi a decidere che cosa è vero e cosa no. 

Esiste un’attività che mi gratifica?

Ci sono persone che ancora si riescono a sorprendere e altre no. Ci sono uomini e donne che vivono ogni giorno come una scoperta e altri che pensano: meno male anche oggi è passato. Cosa li differenzia? La vita e le esperienze che hanno vissuto? C’è chi crede di si. E allora perché individui che hanno vissuto la stessa esperienza, reagiscono in maniera diversa?  Quali convinzioni all’interno della loro mente esistono? Sono queste certezze che elaborano l’esperienza vissuta, la interpretano e decidono in che modo andare avanti.Se non può esistere un’attività che mi gratifica, qualunque cosa farò mi lascerà insoddisfatto e infelice. 

E’ importante raggiungere sempre nuove mete?

E’ corretto avere sempre un obiettivo da raggiungere?

La nonna del nonno ogni giorno si immaginava un nuovo traguardo e intendeva raggiungerlo a tutti i costi, anche al costo di vivere per 150 anni. Ma se non siamo convinti dell’importanza di raggiungere sempre un nuovo obiettivo, non sarà poi così importante la vita stessa. La nostra spinta all’evoluzione ci permette di progredire verso il nostro miglioramento costante e continuo. Kambiamo il nostro modo di vedere le cose, mettiamoci in discussione, guardiamo oltre ciò che appare scontato. Se le nostre certezze non ci portano la dove vorremmo essere, è il momento giusto per metterle in dubbio. 

E’ possibile essere se stessi?

Bella domanda, non pensate? Le domande hanno un enorme potere, il potere di farci sentire vivi e in vita ogni giorno. Se non è possibile essere se stessi, è possibile certamente non esserlo; quindi qualcun altro sta vivendo la vita al nostro posto! Siete felici di sapere che ciò che vi appartiene in realtà appartiene a qualcun altro? Se non siamo noi stessi, stiamo disperdendo il nostro diritto ad essere qui su questo mondo, vivere intensamente la nostra vita e lasciare la nostra impronta. Stiamo regalando a qualcos’altro il nostro dono e la nostra opportunità. 

E’ giusto non dare alle cose troppa importanza?

Quando faccio questa domanda si apre un mondo di risposte … e di scuse!

Io non sono una persona egoista! – Nessuno ti ha mai chiesto di esserlo.

Io non sono una persona superficiale! – Neanche io.

Se succede quella cosa è un dramma! – E se non succede? Come faccio a non dargli importanza!  – Cosa farai quando ti ci sarai ammalato sopra?

Qualcuno disse:” Finché c’è vita c’è speranza”

E qualcun altro aggiunse: “Se il problema è risolvibile, perché ti preoccupi? – E se è irrisolvibile, perché ti preoccupi?”

Non dare eccessiva importanza alle cose, ci permette di affrontarle meglio, più efficacemente, con risultati di gran lunga migliori. Le nostre emozioni ci aiutano a comprendere meglio il problema, ma non dimentichiamo mai che le emozioni sono una spia, la nostra sentinella, sono utili perché ci stanno trasferendo un messaggio. Siamo noi che dobbiamo interpretare il messaggio correttamente. Del potere delle emozioni ne parleremo approfonditamente più avanti, se volete …. 

La risposta alla prima domanda individua le nostre credenze. Le risposte alle domande successive alla prima, costituiscono le nostre regole. In maniera analoga di quando abbiamo parlato della felicità, le regole che abbiamo ci permettono o meno di raggiungere l’obiettivo che ci siamo preposti. Se la parola “accettazione” per noi vuol dire “sconfitta”, potremo mai concederci di accettare noi stessi?

La regola che abbiamo è più potente del nostro pensiero, perché è lei stessa a determinarlo.

Analizziamo con cura le risposte che abbiamo dato alle domande successive alla prima e dalle risposte estrapoliamo le nostre regole. Ora scriviamole una dietro l’altra tutte quante e facciamoci su un doppio lavoro:

1.   Controlliamo se abbiamo regole in contrasto tra di loro, se la risposta è si, necessariamente dobbiamo far chiarezza in noi. Mi sento solo, ma non posso fare nulla per migliorare le relazioni esistenti: dicotomia senza soluzione! La regola è: solo sto bene o in compagnia è meglio? Scegliamone una e seguiamola senza lamentarci.

Regola chiara, Risultato certo

2.   Verifichiamo se la regola che abbiamo è allineata al nostro scopo. Regola: comunicare le mie aspettative all’altro non serve a nulla. Scopo: avere affettività appaganti. Regola e Scopo non sono allineati, la regola non aiuta lo scopo, lo scopo è in contrasto con la regola. Costruiamoci delle regole ad hoc per lo scopo che vogliamo raggiungere a tutti i costi. E chiediamoci: a quale regola che ho, sono disposto a rinunciare pur di raggiungere il mio scopo? Qual è la regola che dovrei avere per centrare il mio obiettivo?

Se siete stanchi, riposatevi un po’ e poi domandatevi: perché sono stanco? Mi piace quello che sto facendo? Lo trovo interessante? Cosa sto pensando veramente? 

Se siete interessati, decisi e motivati, l’energia si autocrea, andare avanti con determinazione non costituisce un problema, viene spontaneamente. 

Pensate: E’ possibile.

Ditevi: Io posso!


E ora, liberiamo energia interna!  

Energie dall’interno:

 

Se siamo in armonia con le energie dall’esterno e abbiamo assimilato bene le energie di scambio, non ci resta che concentrarci sulle energie dall’interno. Questo tipo di energie sono complete e molto potenti. Sono l’espressione dell’equilibrio EmoRationale, dell’equilibrio fisico e mentale, ma soprattutto dell’armonizzazione tra noi e la nostra anima energetica.  Questo tipo di equilibrio ci aiuta a sopportare o respingere meglio attacchi esterni e interni: parassiti (anche virtuali), batteri, virus, conflitti, litigi, emozioni negative.Non dimenticate che l’energia si sposta su canali invisibili, ma si sente.

A.  INDIVIDUAZIONE e SUPERAMENTO DEI BLOCCHI MENTALI - EMOZIONALI - FISICI

B.  ARMONIZZAZIONE DEI TRE SE' (Fisico - Mantale - Spirituale)

      IO SONO UNO = "CORPO + MENTE + ANIMA"

C.  SVILUPPO DELLA CONAPEVOLEZZA DI SE anche attraverso la conoscenza delle leggi fisiche e mentali e l’attivazione di aree celebrali inattive o parzialmente utilizzate.

D.  ESPANSIONE DELLA SENSIBILITA’ ETICA E SPIRITUALE

Questo tipo di energie sembra ci richiedano uno sforzo per essere liberate, ma in realtà non richiedono sforzo, ma impegno e sensibilità. Se per raggiungere un traguardo ci stiamo sforzando, sarà molto complesso andare avanti. Se il nostro è un impegno giornaliero e siamo motivati e determinati, la distanza che ci separa dall’obiettivo sarà sempre minore. A volte è importante utilizzare il giusto riferimento, un amico, un esperto in quel campo, ci possono aiutare nel modo più idoneo e ci faranno risparmiare tempo. Utilizzare i “grandi riferimenti”, non identifica un nostro limite, ma la nostra volontà di accedere al “meglio per noi”.

Buona giornata e Straordinaria vita a tutti.

Eugenio MonSan


Iscriviti ORA alla nostra NewsLetter gratuita riceverai subito la 1° guida

 “I 7 pensieri primari
        per creare la tua vita più bella”




     

Lunedì-14/11
  
ma lei è pazzo o semplicemente stupido?
stupido è chi lo stupido fa ..

Sabato-01/10
  
Su cosa puoi focalizzare la tua attenzione per aumentare la qualità della tua vita?
Ci sono cose che non puoi controllare, gestire o indirizzare a tuo piacimento, altre sì!

Domenica-25/09
  
via della farnesina a Roma, palazzo crolla ..
La Verità è che tutto è transitorio e la maggior parte delle volte imprevedibile!!!

Giovedì-15/09
  
Tutti differenti e tutti diversamente necessari
4 sfumature di "vita"

Giovedì-04/08
  
I nostri Amici animali sanno perfettamente cosa vogliono e dove andare, ma soprattutto fanno una cosa per volta e fatta bene!
E noi?

Mercoledì-27/07
  
Il carcere di Santo Stefano
La più grande prigione di un uomo è quella che lui stesso si è costruita ..

Mercoledì-20/07
  
III) Area pratica per il "lavoro" su sé stessi.
"E fa l'Amore anche l'Anima"

Mercoledì-20/07
  
"Esercizio" sul Flusso secondo il Morphing
Impara ad utilizzare positivamente tutto quello che accade nella tua vita!

Venerdì-29/05
  
NON AVERE FRETTA, TROVA IL TEMPO PER ..
Abbiamo un grande Potere, il potere di creare la vita che desideriamo nel modo che vogliamo.

Venerdì-29/05
  
Walking Coaching lungo la Francigena
Avere una meta, un traguardo da raggiungere, un Sogno da realizzare, ci aiuta a vivere meglio ..


 Powered By APL Sistemi Srl
 Copyright © Ingegneriadelpensiero
home | Mental phisio Coaching | Contatti | Avvertenze | Privacy | Cookie policy